giovedì 30 aprile 2009

Gioventù urbana nel paese delle libertà

Oggi, in autobus, ho ascoltato un'interessante conversazione tra due giovanissmi esemplari di maschi urbani, età massima quindici anni.Definisco interessante la conversazione per due motivi:

Primo: nonostante la giovane età i due ragazzi mostravano una rara capacità di analisi del contesto sociale in cui si muovevano, traendo concusioni sulle azioni da compiere con estrema lucidità e precisione
Secondo: mostravano una rara capacità di analisi e una lucida scelta delle azioni da compiere nonostante il loro vocabolario constasse appena di una trentina di termini e il loro liguaggio fosse una sequenza di suoni inarticolati intervallati da imprecazioni senza senso

Chiameremo i due maschi urbani Bingo e Bongo (prego le scimmie antropomorfe di non offendersi, mi rendo perfettamente conto che i gorilla si pongono su un grado evolutvo più alto dei due quindicenni)Bingo e Bogno sono seduti di fronte a me, che leggo un libro e manco alzo la testa quando si siedono. Hanno degli zaini enormi,i jeans col culo di fuori, i foruncoli e parlano di scuola. Bingo è sovraeccitato: capito no, io laboratorio recupero facile, basta che gli faccio capì al vecchio che me voglio impegnà che se me boccia mì padre me sdruma, quello è un rincoglionito che quando sente stè storie promuove sempre, dice vabbè dai però l'anno prossimo mettiti a studiare, capito no, è 'n cretino, uno che gli dici che t'impegni e quello te crede, è 'n deficente del cazzo, fa tutto il padre paterno dice voi giovani non capite che è importante studiare ma io vi voglio dare n'altra possibilità e ti promuove, stronzo che è; poi tecnica è più difficile, quella è nà stronza mica se smuove colle promesse, quella vuole vedè che studi, però mì madre ha detto che ce pensa lei, dice che ce và a parlà e le fà 'n regaletto, nà cosa 'nsomma, in cambio che lei mi promuove, poi vediamo, però le fa capì che se me promuove a lei gli arriva nà cosetta oppure nà cosa grossa mò vede mì madre a seconda se quella fa la stronza oppure subito accetta, capito no? ma te? te che fai cò la scola?
Bongo sembra abbastanza indifferente, guarda fuori dal finestrino e poi nella mia scollatura, mi prende l'istinto di chiudermi in un sacco e mi chiedo se in borsa ho qualcosa da tiragli in testa se poco poco mi si avvicina, poi alza le spalle con l'aria distratta, a me non me ne frega 'n cazzo della scola, facessero quello che vogliono tanto mì padre la settimana scorza è andato dal preside e gli ha detto che st'anno o mi promuovono o lui va a scola cò nà tanica de benzina e gli dà fuoco a tutti stì stronzidemmerda, capito no, che lui sè rotto li coglioni che ogni anno fanno stè storie del cazzo, st'anno gli fa cagà sangue a tutti stì stronzi, vedrai te se non lo fa'
Mmazza, ò, grande tù padre,ò, tù padre è 'ngrande, davero ò, je dà fuoco je dà, sò meritano proprio guardaSò meritano si, sè rotto di stà scolademmerda, rotto proprioaho, grande tù padre, grande

Non è la mia fermata ma scendo lo stesso, provo una sensazione di disgusto per Bingo&Bongo, per la madre di Bingo e sacro terrore verso il padre di Bongo.
Ovviamente nè a Bingo nè a Bongo è mai venuto in mente che per essere promossi dovessero studiare.Il prof di laboratorio, un insegnante forse molto permissivo e buonista, viene definito un cazzone panato. L'insegnante di tecnica, che pretende lo studio, una stronza (a proposito, signora, la prego, non si lasci corrompere!!)
Il padre di Bongo, comunque, porrà fine a tutto questo incendiando la scuola. Il suo gesto viene ammirato dai due oranghi come conclusione epica e liberatoria da una tortura che costa loro la fatica di inventarsi giri vari di corruzione e stress da convincimento prof cazzone

I giovani del paese delle libertà vengono su veramente bene.
complimenti

23 commenti:

perfido ha detto...

Estinzione unica soluzione.

Alessandro Arcuri ha detto...

...e presto voteranno!

Gambero ha detto...

No, no, ti sbagli, non sono Bingo e Bongo. Che li conosco bene, e in fondo sono bravi guaglioni. Ti dico io: uno era il Renzo Bossi, l'altro (anzi l'altra) la Papi girl.
Ah, i ggiovani della Libertà!

silvio di giorgio ha detto...

io vorrei avere più dettagli sulla tua scollatura. :-)

il monticiano ha detto...

Sono un ingenuo! Se metti il caso io fossi stato al posto di te, Punzy, e gli avessi domandato che cazzarola stavano dicendo, che dici? l'avrebbero tirato fuori un coltellino che di questi tempi va tanto di moda?

Pietro ha detto...

vabbe' sorvolo sugli ormoni impazziti di silvio dg (cmq lo capisco). Certo che sti due erano dei ragazzi, ma come stronzi erano già belli grandi...

Le Favà ha detto...

Eh ma Alemannapunzy (lo so che mi ucciderai, ma io tvb), questo è il piano di studi delle gelmini. Taglia alla scuola, tagli taglia...alla fine foco se fa no?

silvio di giorgio ha detto...

pietro, il mio nome si sta impossessando di me...!!!!! :-))))

Bastian Cuntrari ha detto...

Al Monticiano è venuta la mia stessa idea: anch'io ho temuto che non riuscissi a startene zitta e ti ritrovassi già un coltellaccio piantato in mezzo alle "sise" che metti in mostra!!
@Le Favà, ma i genitori e gli insegnanti di Bingo&Bongo non sono cresciuti con il piano di studi Gelmini, dài!! Va be' essere di parte, ma... insomma...

La Mente Persa ha detto...

Bei genitori, siamo messi bene!
gio

Dagmar ha detto...

bhe, in fondo andranno o al grande fratello, o sull'isola dei famosi, magari pure a x factor o comunque si chiamino quelle robe.. serve studiare per questo? hanno ragione loro.. il mondo che vedono, tutti i giorni, in TV non è certamente uno dove si STUDIA per fare qualcosa, importante è avere parenti/amici/magnaccia/papini che ci mettono una parola/una tanica di benzina. A studiare fai solo l'impiegato al call center o il cocococo in qualche azienda del cazzo, chi glielo fa fare?

amatamari ha detto...

Ed il bello è che tutta la caciara sul sei in condotta etc. per questo anno salta...
Restano i tagli al personale docente ma quello tra un pò si estingue comunque che di questo passo restare nella scuola ad insegnare proprio normale non è...
:-)

E buon Primo Maggio!!!

luly ha detto...

Bingo e Bongo sono l'esempio di come i nostri cari Berlusca e compagnia vogliono ridurre i nostri ragazzi. Molti, purtroppo, ci sono già caduti, ma salviamo gli altri, vi prego!!!!

il saggio ha detto...

Io ho corrotto incendiato torturato posseduto minacciato e fatto ascoltare due dischi consecutivi di Guccini a molti dei miei professori (il cd era per il Preside che siccome era un sadico-fetish non sapevo come fare) ma mi hanno bocciato ugualmente 3 volte. Ah averceli due genitori come quelli di Bingo e Bnogo (o era Bongo e Bingo?).

pierprandi ha detto...

Buon primo maggio Punzy. A presto

Punzy ha detto...

Saggio, solo tu potevi invidiare una famiglia di gorilla :)

Luly: salvare gli altri? e come? oscuriamo le tv?

Franca ha detto...

E con genitori così come potevano venire su Bingo e Bongo?

marina ha detto...

Io non so stare zitta e rischio spesso il coltellino...
marina

the muffin woman pat ha detto...

se io tornavo a casa col 5 mio papà la usava su di me la tanica. ma me la tirava prima in testa:)))

ventopiumoso ha detto...

io ho provato la pleistescion. brrrrr

Alessio ha detto...

Ohibò!

bradipa ribelle ha detto...

che belli questi giovani virgulti... d'altronde vanno bene per il paese delle libertà, scemi, zoticoni e ignoranti!

Ormoled ha detto...

Se non fossero che dovrebbero essere il futuro (poveri noi) si meritano propio la MariaStella Gelmini come ministro, maestro unico, anzi no niente maestro.
Ciao