mercoledì 30 aprile 2008

La torre di Babele

Dunque, devo rifare la carta d’identita’ perche’ e’ scaduta.
Entro nella sezione anagrafica distaccata del mio municipio ed e’ evidente che sono entrata in una specie di serraglio pieno di casi umani (me compresa ovviamente).
Vi faccio la descrizione :
la sezione anagrafica e’ uno stanzone di due metri e mezzo per uno, costituita da un unico sportello largo separato dagli utenti da una lastra di vetro, dietro il quale si affacciano due signore, classiche burocrati pubbliche: mezza eta’,truccate, ingioiellate di bigiotteria e tinte, rispettivamente, di giallo paglierino e rosso menopausa. Sullo sfondo, un’altra tipa, piuttosto anziana, seduta davanti ad un pc con una schermata nera che chiede: “Ma che febbraio e’ di 30?”
andiamo bene.
Non c’e’ fila: c’e’ il mucchio. Gli utenti sono disposti in una palla umana attorno allo sportello, nessun ordine, nessun numero da prendere.
Io penso che da quel posto non usciro’ mai piu’. E’ pieno di extra comunitari di tutte le lingue le razze e le religioni, parlano a stento l’italiano e appare chiaro che nessuna delle impiegate parli l’inglese il rumeno o l’arabo
Merda
Dopo qualche minuto, pero’, con mio sommo stupore noto che la fila scorre. Anzi, per meglio dire, il mucchio si dipana.
Mi avvicino abbastanza allo sportello per vedere che la gialla paglierina e’ quella che comanda: si vede subito che non tiene paura di niente, lei.
Un grosso arabo si pianta davanti allo sportello con delle foto in mano
la paglierina: che voi te? La carta identita’? servono tre fotografie..che le hai fatte gia? Bravo va’ d
amme le foto che la famo subbito..facciamo sta’ carta..ma questo non sei te, questa e’ na donna
A: mia moglie
P:mbe’? ndo’ sta’ tu’ moglie?
A: casa
P: perche’ che cha? E’ incinta? Sta male?
A:no lei no esce. Lei casa. Lei senza me no esce
P: be’ po’ usci’ co te’, no? Venite insieme
A: no lei no qua. Lei brava moglie che no esce
P: seeeeeenti, se te voi tene’ tu’ moglie dentro casa stattene al paese tuo, qua’ in italia semo abituate che quando ce serve na’ cosa ce la famo da sole, se je serve er documento tu moglie viene qua,co’ te’ e se fa la carta. Magari ce metti er lenzolo n‘testa, cosi’ non la vede nessuno ma deve veni’ lei. E annamo ancora co le donne dentro casa. Pussa via, va, vie' co tu’ moglie o niente
Con mia immensa sorpresa, l’armadio arabo si gira e se ne va con la coda tra le gambe..
La tizia davanti al pc chiede: ma pure aprile e’ de trenta?
La paglierina non si scompone, si aprile e’ de trenta ma a te a scola nun te l’hanno insegnata ‘a filastrocca, trenta giorni a novembre ma chi c’e’ dopo?..non fate i furbi che me l’ho ricordo chi e’ entrato dopo..tu ce stai? Vie' qua... Che sei tu, tutto giallo strano,cinese? ah no giapponese sei
Giapponese conferma
Pali italiano?
Si si si
Ah meno male. Che te serve
Giapponese sorride e da alla paglierina un fascio di fogli
La paglierina li guarda e fa’: ma sta’ cosa non la devi fa’ da noi, se fa all’ambasciata
Giapponese sorride e annuisce
La paglierina s’inquieta
Ah ma tu l’italiano non e’ vero che lo parli eh, non lo parli mica
Giapponese sorride si si si
Ah ma porca zozza..che qualcuno de voi qui tante volte parla giapponese? No eh? Vabbe’ va..che faccio mo’ come t’o spiego? Famo una cosa va, senno’ me blocchi la fila mettete la’ in un angolo e appena c’e’ meno gente te faccio un mimo
Poi, che ce sta’?

si fa avanti una bella ragazza con lunghi capelli neri
Bella, te ce stai che bella che sei, che belli capelli..che sei tu, fa’ un po’ vede’? rumena sei? Bella vie qua’ che io non so’ razzista coi rumeni a me me piacciono tutti quanti i cristiani, pure Alemanno e’ na’ creatura de Dio..che devi fa te? La carta d’identita’? dammi le foto va…seeeenti ma che so’ ste foto? Mica sei te su ste’ foto..
Si io essere solo che venuta male
No,nun sei te, sta’ foto non e’ la tua…che voi fa, vuoi imbrogliamme? Guarda che io me ne accorgo….mo dovrei chiama’ i carabinieri che questo e’ un falso d’identita’ ma se li chiamo quando la smaltimo sta’ fila? Famo na’ cosa va, io nun t’ho vista, te proprio qua dentro non sei entrata, vattene e non ne parlamo piu’
La tipa rumena fugge e io mi sono ormai completamente innamorata della paglierina che e’ evidente che lei e’ il mio mito e una grande, grandissima donna urbana che sa destreggiarsi in ogni situazione…tocca a me…

chi ce sta’? tu ce sei? Sei italiana tu si? Bene va ,meno male, che devi fa? Carta d’identita’? damme ste’ foto va 'che la facciamo subbito..mamma mia che brutte ste’ fotografie ma quanto vieni male mamma mia…senti un po’ che per caso tu sai come se fa a mima’ la parola “ambasciata"?

6 commenti:

the muffin woman pat ha detto...

altro che zelig.
mi sto facendo venire i crampi alle guance per non scoppiare a ridere davanti a tutti:)))

Ghebba ha detto...

te l'ho sempre detto che io devo seguirti!!!

articolo21 ha detto...

bellissimo racconto ahahah

farfalla81 ha detto...

Si ma quello dell'autobus (soprattutto il vecchietto) non lo batte nessuno!!! :-)

La Regina ha detto...

E la cosa ancora più bella è che 'ste cose succedono davvero!
La Punzy ha il dono di osservare, ascoltare, creare e poi mettere su carta/blog gli spunti che la realtà le da....un mito!

micky1mouse ha detto...

Sei troppo una ganza e me fai sbellicà dalle risate!Voglio venire a vivere con te e starti dietro ogni momento!Anzi meglio, voglio andare a vivere in quell'ufficio dove c'è la bionda che fa il mimo! Anzi voglio andare col giapponese per vedere dov'è finito. Anzi voglio restare al pc a leggerti.