giovedì 28 maggio 2009

La finale nell’Urbe

Non sono cosi’ disadattata
Ovviamente sapevo che c’era una qualche finale transuniversale o roba del genere ed ero quasi sicura che fosse nell’urbe.
Pero’ io abito lontano lontanissimo dallo stadio, praticamente in un’altra citta’; solo che la teoria del caos (che sostiene che se starnutisci a Tokyo cade la torre di Pisa ) qui nell’Urbe pare che arrivi ai massimi livelli esistenti o teorizzati e allora per quattro inglesi e venti spagnoli fuori allo stadio olimpico c’e' traffico fino a Latina e io esco dall’ufficio e bestemmio, perche’ ritengo che sia una grossa ingiustizia karmica che io devo sempre subire le conseguenze delle scemita’ fatte da altri e la scemita’ in questione, tra l’altro, riguarda una cosa che non e’ nemmeno italiana o urbana (non che abbia la minima comprensione del traffico che si genera per tifosi italiani, anzi) e quindi sbavo facendo lo zig zag nel traffico mentre qualcuno decide che comunque vale la pena, per questa finale transuniversale, di andare fuori di testa e sale con la macchina sul marciapiede, suona il clacson tutto contento, parcheggia in quarta fila per guardare l’allestimento di un maxischermo che in realta’ e’ solo un cartellone pubblicitario ma in fondo vale la pena fermarsi perche’ hai visto mai, magari ci scappa comunque la vista di un paio di bocce in stato seminudo.
Arrivo a casa dopo quasi un’ora con la bava alla bocca, pronta a mordere qualcuno e vedo sotto il mio palazzo dei tizi vagamente familiari con una quantita’ spropositata di alcol in mano che chiedono accesso alla mia casa, sostenendo di essere stati invitati da Perfido e a tal scopo mostrano un invito pervenuto via mail e appositamente stampato, perche’ lo sapevano che io tanto non li facevo entrare e avrei finto di non conoscerli o comunque li avrei scacciati in qualche modo ma c’e’ l’invito scritto che finisce con una nota di perfido che dice qualcosa tipo punzy amore non ci provare proprio a lasciarli fuori alla porta (nota: uccidere Perfido)
Quindi la finale via lattea contro resto dell’universo entra dentro casa mia, fortunamente insieme alla pizza che porta perfido e io osservo come questi maschi imbarbariscono quando guardano la partita e voglio partecipare alla conversazione, perche’ e’ piu’ forte di me:
mi piace il suono della mi voce
voglio essere una brava padrona di casa
e chiedo chi gioca? Qual’e’ il Barcellona? Perche’ hanno quelle maglie di colore improbabile? Ma tutti mi guardano schifatissimi e allora me ne vado a tenere il broncio fuori al terrazzo e aspetto che qualcuno di questi maschi faccia una cosa lercia che io mi posso arrabbiare, tipo gettare un tovagliolo unto sul parquet pero’ invece si vede che sono indottrinati perche’ si inselvaggiscono veramente poco; a parte i grugniti e i gridi di gioia per i goal, tranne poi che dicono tutti che loro tifavano per il manchester

e quando finisce la partita, qualche cittadino suona le trombe ed il clacson, perche’ quando si gioca a calcio, nell’Urbe, devono essere tutti informati, la cosa non ti puo’ sfuggire
ti dovessi mettere tranquilla sul divano a guardare desperate housewife

16 commenti:

Pape Satan Aleppe ha detto...

ahahah ....
Però quando Iniesta porta palla a centrocampo l'è proprio una gran bella musica.
Complimenti Barca.

paperoga ha detto...

hai il parquet in casa? ammazza che lusso. mi immagino a sto punto che popò di iacuzzi ti ritrovi in bagno. e dimenticavo che hai un portiere. mancano maggiordomo e chaffeur personale.

Anonimo ha detto...

hai scritto tu il copione della pubblicità del hineken are you still with us? non so se l'hai vista

il monticiano ha detto...

La finale di ieri stava per diventare la fine di qualcuno. Sin dal primo pomeriggio qualcuno di cui non sono riuscito a vedere le fattezze, ha iniziato a strombazzare con una specie, credo, di tromba-trombone-clacson, intervallando tali delicati suoni quasi ogni ora. Prima dell'nizio della partita - ore 20.30 - il trombettiere ha ridato fiato alla tromba perlomeno 4 o 5 volte. Ho cercato disperatamente di sapere chi stava rompendo oltre che i timpani anche qualche altra cosa ma..niente! Tromba del giudizio universale? Forse. Indovina che cosa è successo quando la partita è finita? Il trombettiere è riuscito a suonare per circa mezz'ora senza che qualcuno di noi abitanti, condomini e inquilini riuscisse ad acciuffarlo. Ora io abito a circa 10 km dallo stadio. Mi chiedo ma che ci faceva quello lì nella mia strada e perchè invece non era andato dove poi io e gli altri lo abbiamo mandato molto volentieri con una serie di vaffa d'ogni tipo?

Bruno ha detto...

eppure mi sembrava che ti avessero inquadrata nella curva, quella calda, con la sciarpa del barcellona, trombette e raganelle.... non eri tu?? :-)

il saggio ha detto...

No!

Le Favà ha detto...

Ahahahah.
Scommetto che volevi essere un calciatore per poter così alla fine, parlare con Berlusconi.
Ammettilo :P

Gambero ha detto...

Beh. Ti sei persa la premiazione. Un Papi in forma smagliante. Peccato essere ignorato da metà Manchester. Ma vabbè.

Pietro ha detto...

qualcuno propone di fare tutti gli anni la finale a Roma. Auguri .-)

il Russo ha detto...

Senti, non è colpa di noi maschi se davanti ad una partita simile pizza/birra/rutto libero e bestemmie assortite diventano INDISPENSABILI.
L'oppio dei popoli....

Ormoled ha detto...

Per avere dei maschi indottrinati in casa devi averli massacrati di insolenze chissà quante volte. Hai un futuro come domatrice sai?
Ciao

Punzy ha detto...

Buongiorno a tutti:\paperoga, la casa e' infatti molto bella. Peccato non sia mia, sono in affitto :)


gambero, la premiazione l'ho vista, imperdibile i calciatori che ignorano il papi..


Aldo resiti!!

l'incarcerato ha detto...

A me il calcio non mi è mai fregato nulla, ma da quando sto a Roma è vero, inevitabile seguirlo...perchè è un vero caos.

Pietro! Spero proprio di no! :)

Samantha ha detto...

Il calcio..gioie e dolori degli Italiani! quelli che lo amano e quelli che sono costretti a subirlo! Mio marito è il classico tipo che per una partita del genere si trasforma tutt'uno con il divano-birra-telecomando..! E dire che talvolta questo quadretto mi suscita tenerezza! ah..potere dell'amore!!
Forza Punzy,pensa al lato positivo..fosse stata una squadra italiana a giocare la finalissima, forse non saresti riuscita ad arrivare a casa nemmeno dopo un'ora!!

Pino Amoruso ha detto...

"Gran bella premiazione"...nessuno se lo cagava!!!!ihihih povero papi!!!

Tua madre Ornella ha detto...

Punzy
solo un saluto(sei veramente simpatica!)
Ciao
Ornella